Proverbi Pugliesi - Linguarossa

logo Linguarossa
Vai ai contenuti
Grazie della visita ^-^
grey line
Buona lettura... ♥
Il proverbio viene definito spesso come la saggezza dei vecchi ed è senz’altro una saggezza che merita di essere tramandata ai giovani. A chi non è capitato di citarne qualcuno a conclusione di un discorso tanto per sottolineare quello che si è appena detto? Molti proverbi sono andati persi nel tempo e qui voglio continuare a tenerli in vita.
~ MODI di DIRE ~
women banner
Proverbi Pugliesi


  ✔   Nesciune nasce ambaràte.
         -(Nessuno nasce istruito.)-


  ✔   Famme pòvere ca te fazze ricche.
         -(Fammi povera e ti farò ricco.)-


  ✔   Ce ricche te uè fà va n-gambbàgne e mmìttete ad arà.
         -(Se ricco ti vuoi fare, và in campagna e mettiti ad arare.)-


  ✔   Oggne e bbène da la tèrre vène.
         -(Ogni bene dalla terra viene.)-


  ✔   Affùnne bbuène la zzappe a la vìggne e llìive la malèrve e la gramìggne.
         -(Affonda bene la zappa nella vigna e togli l'erbaccia e la gramigna.)-


  ✔   Quànne l'auuì fiorìsce ad abbrìle le cuègghie a varrìle.
         -(Quando l'ulivo fiorisce in aprile, le olive si raccolgono a barili.)-


  ✔   Pure le pùdece tènene la tosse.
         -(Anche le pulci hanno la tosse.)-


  ✔   Chi pèggre se fasce, u lupe se la mange.
         -(Chi pecora si fa, il lupo se la mangia.)-


  ✔   Fa come o cane, sckame da lendàne.
         -(Fa' come il cane, abbaia da lontano.)-


  ✔   La fèmmene cattìve chiànge u muèrte e ppènze o vive.
         -(La vedova piange il morto e pensa al vivo.)-


  ✔   Canàte, fàccia lavàte; sròche e nnòre, spina cammaràte.
         -(Cognata, faccia lavata; suocera e nuora, spine velenose.)-


  ✔   La cose ca non ze mesùre, pìcche tìimbe adùre.
         -(La cosa che non si misura poco tempo dura.)-


  ✔   Mare, fèmmene e ffuèche, fusce quànde cchiù puète.
         -(Da mare, donna e fuoco fuggi più che puoi.)-


  ✔   Vaele cchièu a ssapà dòece ch'a ssapàie fateghè.
         -(Vale più saper convincere che saper lavorare.)-


  ✔   Càngene le senatùre; ma la canzzòne iè la stèsse.
         -(Cambiano i suonatori; ma la canzone è sempre la stessa.)-


  ✔   U pedùcchie prime te sòrchie u ssanghe e ppò te sbrevòggne.
         -(Il pidocchio prima ti succhia il sangue poi ti svergogna.)-


  ✔   La fèmmene bbèll'e pelite sènza dote se marite.
         -(La donna bella e sana, anche senza dote trova marito.)-


  ✔   Ddu nc'è ffumu nc'è focu, ma nnu sempre carne rrustuta.
         -(Dove c'è fumo c'è fuoco, ma non sempre carne arrostita.)-


  ✔   Aldèzze, mènza bellèzze.
         -(Altezza, mezza bellezza.)-


  ✔   A chiagne 'u murte sonde lacreme pérze..
         -(A piangere il morto sono lacrime perse.)-


  ✔   Luna janca,chiove; luna russa, jentu; luna chiara, sirenu.
         -(Luna bianca, pioverà; luna rossa, vento; luna chiara, sereno.)-


  ✔   Se hoi cu faci giurni cuntenti stàtte luntànu te li parénti.
         -(Se vuoi avere giorni felici stai lontano dai parenti.)-


  ✔   Chi va con lo zoppo, inizia a zoppicare pure lui.
         -(Chi va con lo zoppo, inizia a zoppicare pure lui.)-


  ✔   Alla fimmina u capiddhru è longu, u sciutiziu è curtu.
         -(Nella donna il capello è lungo, ma il giudizio è corto.)-


  ✔   Tira cchiù nu pìlu ca nù nzàrtu.
         -(Tira più un pelo che una corda.)-


Grazie della visita...


Nessun commento
Sito è on-line dal 30.12.2011, grazie a tutti gli amici che sono passati a trovarmi...
hot line
smallseotools.com –  pagerank checker CSS Valido! sito protetto Licenza Creative Commons
Torna ai contenuti