Proverbi Lucani - Linguarossa

logo Linguarossa
Vai ai contenuti
Proverbi
Lucani
Buona lettura... ♥
Il proverbio viene definito spesso come la saggezza dei vecchi ed è senz’altro una saggezza che merita di essere tramandata ai giovani. A chi non è capitato di citarne qualcuno a conclusione di un discorso tanto per sottolineare quello che si è appena detto? Molti proverbi sono andati persi nel tempo e qui voglio continuare a tenerli in vita.
~ MODI di DIRE ~
Proverbi Lucani


  ✔   Lu Cuverne è cumm’a la zecca, zuca, zuca e po’ schatta.
         -Il Governo è come la zecca, succhia, succhia e poi crepa.()-


  ✔   Cu s’avanti’ssulu, nu’vvali nu fasulu.
         -(Chi si loda da solo, non vale un fagiolo.)-


  ✔   Lu mìrich’ prim’ t’ sent’ e pò ti spogl’; l’avvucàt’ prim’ ti spogl’ e po t’ sent.
         -(Il medico prima ti ascolta e poi ti spoglia; l’avvocato prima ti spoglia e poi ti ascolta.)-


  ✔   Femmn, ciucc e crap, tutt a stessa cap.
         -(Donne, muli e capre hanno tutti la stessa testa.)-


  ✔   Maritu e figli comi Diu ti manna accussì ti pìglisi.
         -(Marito e figli come Dio te li manda così te li prendi.)-


  ✔   Facj prim’ ‘na femm’na a truà na scus’ ca nu sorg’ a truà nu purtus.
         -(Fa prima una donna a trovare una scusa che un topo a trovare un buco.)-


  ✔   La rrobb’ vai’ e ven’ cumm’ a vint’ e lu trívul’ rest’ a tutt’ timp’.
         -(La roba va e viene e i guai restano sempre.)-


  ✔   Acqu r pacchian non chìuv e trapan.
         -(Pioggia lenta, non porta molta acqua, ma penetra "ovvero la costanza vince")-


  ✔   Genti senza figli né p’amuri, né pì cunsigli.
         -(Gente senza figli non può dare né amore né consigli.)-


  ✔   Chi ave facce se marite chi no reste zite.
         -(Chi è sfacciata si sposa, chi no resta senza marito.)-


  ✔   Contra la forza, raggione nu bbale.
         -(Contro la forza non vale la ragione.)-


  ✔   Chi tene 'na voglia prest' s'aspoglia.
         -(Chi ha una voglia presto si spoglia.)-


  ✔   Fridd'e fame, fan'u bruttu pelame.
         -(Freddo e fame, fanno la brutta pelle.)-


  ✔   La fam'è 'na brutta bestia.
         -(La fame è una brutta bestia.)-


  ✔   La terr' t' rai e la terr' t' pigli'.
         -(La terra ti genera e la terra ti riprende morto nel suo grembo.)-


  ✔   Latt'e vaine 'ntostan le raine.
         -(Latte e vino irrobustiscono i reni.)-


  ✔   Lu can mozz'ga semb a lu strazzar.
         -(Il cane morde sempre il pezzente.)-


  ✔   Lu procchie prima zuca e po' te sbreogne.
         -(Il pidocchio prima ti succhia e poi ti svergogna.)-


  ✔   Pése cchiù la pénne ca la zappe.
         -(Pesa più la penna che la zappa.)-


  ✔   Quann'è legge, è auale pe tutte.
         -(Quando è legge, è uguale per tutti.)-


  ✔   R' gran', s' nun s' semin', nun nasc'; | l'omin' nun s'impar', s' nun patisc'.
         -(Il grano, se non viene seminato, non nasce; l'uomo non impara, se non soffre.)-


  ✔   R' paról' sò r' fogli', | i fatt' so i frutt'.
         -(Le parole sono le foglie, | i fatti sono i frutti.)-


  ✔   Rui so' li putiente, ci tene e ci nu tene niente.
         -(Due sono i potenti, chi ha e chi non ha niente.)-


  ✔   Stip' quann' tin' | ca quann' nun tin' | nisciun' t' n' rai'.
         -(Conserva quando hai | perché quando non hai | nessuno te ne dà.)-


  ✔   Timp', vint', signúr', fémin' e furtún', | si vòtin' semp' cumm' a la lun'.
         -(I tempi, il vento, i signori, le donne e la fortuna | si cambiano sempre come la luna.)-


  ✔   U marite pú carre e la megghiere pú vandesine.
         -(Il marito con il carro e la moglie con il grambiule.)-


  ✔   Vulera esse' cape re pescetielle e nu cora re pesce 'eruosse.
         -(Vorrei essere testa di pesciolino e non coda di pesce grosso.)-


  ✔   A chiovi e a murì....nun ci vò ninti!
         -(A piovere e a morire... non ci vuole nulla!)-


  ✔   Cchiù pagl' t' fai', cchiù vint' t' vott'.
         -(Più diventi paglia, più il vento ti trascina.)-


  ✔   Quannu u stiavuccu, o a canistra, và e veni, a'micizia si manteni.
         -(Quando il fazzoletto va e viene, l'amicizia si mantiene.)-


  ✔   Dimm a chi si figl e t sacci addì a chi ass’migl’.
         -(Dimmi a chi sei figlio e ti saprò dire a chi somigli.)-


  ✔   Vosc r chiazz trivl r cas.
         -(Voci di piazza guai in casa.)-


  ✔   L sacc vacand non stann all’addert.
         -(I sacchi vuoti non stanno all’impiedi.)-


  ✔   Aria russ o vind o mbuss.
         -(Aria rossa o vento o pioggia.)-


Grazie della visita...

La Basilicata, in passato Lucania (quest'ultima fu la denominazione in uso dal 1932 al 1947, nonostante questo termine identifichi una regione storica dai confini differenti), è una regione italiana a statuto ordinario dell'Italia meridionale di 564 247 abitanti con capoluogo Potenza.
Comprende la provincia di Potenza e la provincia di Matera. Confina a nord e a est con la Puglia, a nord e a ovest con la Campania, a sud con la Calabria, a sud-ovest è bagnata dal mar Tirreno e a sud-est dal mar Ionio.
E' un terra dalle antichissime origini in cui la storia e la natura dell'uomo hanno lasciato importanti tracce sin dall'epoca preistorica. I tesori naturalistici di questa regione divisa tra aree pianeggianti, collinari, montuose e costiere si pregiano della presenza di zone quali la catena del Sirino, l'appennio lucano, la montagna potentina, il Vulture, la piana jonica, la costa tirrenica di Maratea e il Metaponto.
Sito è on-line dal 30.12.2011, grazie a tutti gli amici che sono passati a trovarmi...
hot line
smallseotools.com –  pagerank checker CSS Valido! sito protetto Licenza Creative Commons
Torna ai contenuti